Arvixe web hosting

Dopo circa 1 anno di lavoro su hosting e server dedicati di Arvixe mi sembra doveroso riportare la mia esperienza e giudizio.

La prima cosa che mi preme sottolineare è che purtroppo l'assistenza tecnica offerta non è sempre professionale e le risposte fornite sono del tutto inconsistenti con i problemi segnalati. A titolo di esempio ho perso circa 1 mese nella gestione di un ticket che ho aperto per segnalare un problema di licenza su un componente di terze parti che l'assistenza diceva essere installato sul server che ospitava l'applicazione. In realtà si è scoperto che il componente non era installato sul server.

Sempre riguardo l'assistenza, la tempistica di chiusura dei ticket è aumentata in modo considerevole ed oggettivo negli ultimi 2 mesi. Ad oggi mi trovo una richiesta ancora aperto dopo 3 giorni e che sollecito giornalmente.

Se il rapporto caratteristiche/prezzo dei piani di hosting è elevato purtroppo non vale la stessa cosa per il rapporto qualità/prezzo. Così sconglio vivamente i piani "personal" per applicazioni professionali. Considerato il fatto che lo spazio è condiviso con molte altre applicazioni la risposta dei server non è sempre costante ed in alcuni casi la lentezza delle risposte è insopportabile e causa ovviamente errori nelle applicazioni.

Un po' meglio sono i piani "business" anche se ovviamente molto più costosi ma la latenza delle risposte è comunque e soventemente troppo elevata.

Per quanto concerne i database invece, è bene tenere presente che risiedono sullo stesso server che ospita gli hosting e che le connessioni multiple sono limitate.

Un punto a favore di Arvixe è invece la possibilità di configurare lo spazio a proprio piacimento e molto facilmente.

Concludendo il post il mio giudizio su Arvixe è 7 punti su 10.

 

AddThis.NET for Blogengine: DiggButton problem

With reference to AddThis.NET for Blogengine (http://www.mbaldinger.com), I've encountered some problem in DiggButton.cs due to html encoding content of HtmlGenericControl "script" so that DiggButton doesn't appear.
I suggest you to change script.InnerText in script.InnerHtml (line 52)

Connessione ODBC a Zucchetti Gestionale 1 su Windows Server 2008 (64 bit)

La connessione alle tabelle del Gestionale 1 da una applicazione web, può essere ottenuta utilizzando la seguente stringa di connessione

"Driver={Microsoft dBASE Driver (*.dbf)};DriverID=277;Dbq=C:\AZW32\DB\100\;

che implica l'utilizzo del driver Microsoft dBASE a 32 bit. Occorre quindi innanzitutto verificare l'installazione del driver sul server eseguendo il comando C:\Windows\SysWOW64\odbcad32.exe.

Se il driver non fosse presente, io consiglio di installare il "Microsoft Access Database Engine 2010 Redistributable" scaricabile da qui.

In ultimo è necessario configurare il sito in IIS in modo che utilizzi un'appliazione in modalità WOW64 (Windows on Windows64), ovvero con processi a 32 bit tramite cui vengono caricate solo applicazioni a 32 bit.

Aprire quindi IIS, identificare l'applicazione utilizzata dal sito nel pool di applicazione e settare a true il valore "Attiva applicazione a 32 bit".

 

P.S.: Non seguendo le istruzioni sopra riportare si potrebbe incorrere nel seguente errore: "ERROR [IM002] [Microsoft] [Driver Manager ODBC] Nome Origine Dati non trovato e driver predefinito non specificato"

Recuperare record cancellati/modificati in SQL SERVER 2008

Può accadere di dover recuperare record cancellati o modificati accidentalmente. In tale occasione può essere utile conoscere i formidabili prodottti di ApexSQL tra cui ApexSQL Log.

Io ho utilizzato con successo la versione trial del software scaricabile gratuitamente dopo aver completato un form di registrazione.

Il recupero nella versione trial è limitato a 10 record alla volta.

Io sostengo WIKIMEDIA FOUNDATION

"Imagine a world in which every single human being can freely share in the sum of all knowledge" (wikimedia)

E' stato un atto doveroso contribuire al sostentamento di una fondazione, quella di WIKIMEDIA, da cui tutti noi giornalmente fruiamo informazioni.

Sono orgoglioso di ciò che ho fatto.

Autodesk LMTOOLS/FlexLM su Windows 2008 R2

L'avvio dei servizi di licenza mediante LMTOOLS su Windows 2008 R2 mi ha procurato non pochi problemi.

Per risolverli ho applicato in parte ciò che riporta l'articolo FlexLM on Windows 2008 R2 ed in particolare ho definito completamente il servizio immettendo il percorso per lmgrd.exe, per il file di licenza e di log del debug:

Ho inoltre inserito nel Firewall di Windows le eccezioni per la porta  2080 e dalla porta 27000 alla porta 27009

 

Installare AUTOCAD 2008 su Windows Server 2008 R2 64 bit

In seguito ad una migrazione di dominio da Windows 2003 32 bit a Windows Server 2008 R2 64 bit mi sono trovato nell'impossibilità di installare AUTOCAD 2008 (license server). Dopo diverse ricerche sono approdato al seguente articolo pubblicato sul sito diAutodesk:

http://forums.autodesk.com/t5/AutoCAD-Architecture/Updated-Workaround-instructions-for-64-Bit-OS-Install/td-p/1941946

E' quindi possibile installare la versione 2008 di AUTOCAD a patto di modificare come segue i files di installazione ACA.msi e Setup.ini presente sul DVD di installazione di Autocad:

  1. Copiare l'intero contenuto del DVD di installazione sul disco rigido del proprio PC;
  2. Scaricare l'utilità Orca da questo link, altrimenti scaricare prima Microsoft Windows SDK nella versione compatibile con il proprio sistema operativo  e quindi installare Orca eseguendo Orca.msi da C:\Program Files\Microsoft SDKs\Windows\vx.0\Bin\
  3. Aprire in modifica il file ACA.msi tramite Orca, cancellare l'azione "CheckFor64BitOS" presente nella tabella "InstallExecuteSequence" e salvare le modifiche;
  4. Modificare il file Setup.ini tramite Blocco Note eliminando la riga "PLATFORM=NO_WOW_64_PROCESS" nel gruppo "#==================== Platform Requirement"
  5. Creare infine un nuovo DVD di installazione

Pressione del tasto Enter/Invio in una textbox inserita in un form (Protect form submission on enter key-press)

La pressione del tasto enter in un qualsiasi campo di input provoca, in un form HTML, lo scatenarsi dell'evento "submit".

(Ho direttamente sperimentato la sconvenienza di tale comportamento progettando un modulo di ricerca di contenuti in un sito web. Per ragioni di progettazione, la texbox  di ricerca, si collocava in un tag form: la pressione del tasto invio nella textbox doveva rimandare ad una pagina sinottico dei risultati di ricerca. Di fatto però la caratteristica standard  del form produceva il postback della pagina impedendo il reindirizzamente voluto.)

 Per disabilitare questa caratteristica è sufficiente inserire nella pagina il seguente codice jquery:

$(function() {

 
    $("form").bind("keypress", function(e) {
            if (e.keyCode == 13) return false;
      });

 
});

 

Redirect per Manutenzione di applicazioni con app_offline.htm

Spesso sorge l'esigenza di impedire al sito di produzione di rispondere alle richieste di pagina per poter svolgere agevolmente le operazioni di aggiornamento o distribuzione di un applicazione web.

In tale contesto gli utenti dovranno così essere reindirizzare ad una pagina di "Sito in muntenzione"; cioò permette di evitare errori che potrebbero verificarsi quando le modifiche sono completate solo parzialmente.

Il modo più semplice per assolvere a tale necessità è di seguire quanto riportato nell'articolo http://msdn.microsoft.com/it-it/library/ff925031.aspx, ovvero
  • Creare un file denominato App_offline.htm (di dimensioni  maggiori di 512 byte) e includervi un messaggio per comunicare agli utenti che il sito non è disponibile perché è in fase di aggiornamento.
  • Posizionare il file App_offline.htm nella cartella radice del sito Web di destinazione.

    Di fatto questa feature era già presente nella versione 2.0 di ASP.NET. La presenta della pagina app_offline.htm provoca lo shutdown dell'Appdomain e diventa l'unica pagina vista da chiunque tenti di connettersi al sito.

Microsoft SQL Server Management Studio: risultati delle query troncati

Mi è capitato di eseguire query in Management Studio e di ottenere risultati troncati. Ho così speso parecchio tempo per comprenderne il motivo, inputando la causa dell'errore al mio codice sql.

Di fatto invece il troncamento dei risultati dipende semplicemente dall'impostazione di default dei risultati nelle query in Management Studio.

Per aumentare il numero di caretteri visualizzati in ogni colonna è quindi sufficiente fare click sul menù "Query" e quindi su "Opzioni Query".

Nella voce Testo del nodo Risultati  è quindi possibile aumentare il valore della proprietà "Numero di caratteri visualizzati in ogni colonna" impostata di default a 256