Wget: software gratuito per il download di file/pagine web e richiamare pagine web da cmd

Wget è un pacchetto software gratuito per il recupero di file e pagine web utilizzando i protocolli HTTP, HTTPS, FTP e FTPS.

Si può scaricare a questo indirizzo:

https://www.gnu.org/software/wget/manual/

È uno strumento a riga di comando non interattivo, quindi può essere facilmente richiamato da script, cron job, terminali senza supporto X-Windows, ecc..

Può essere anche utilizzato per aprire/richiamare pagine web (senza scaricarle) da cmd e senza utilizzare un browser.

Ad esempio il comando:

wget -O/dev/null -q http://www.google.com

richiama il sito www.google.com

Questa funzionalità può essere molto comoda per schedulare l'esecuzione di processi web.

 

FTP passivo da command-line

Il comando FTP di Windows (ftp.exe) non supporta la modalità passiva su tutte le versione di Windows. E' quindi oggigiorno inutilizzabile in contesti di NAT o a causa di firewall non configurabili.

Una utile alternativa è l'utilizzo del cliente ftp WinSCP, scaricabile a questo indirizzo

https://winscp.net/eng/download.php

WinSCP può essere utilizzato anche da riga di comando.

I protocolli supportati sono: FTP, FTPS, SCP, SFTP, WebDAV or S3 file transfer.

Windows 10: Problema di accesso alle risorse condivide in rete

Può accadere che in seguito ad un aggiornamento di Windows 10 non sia più possibile accedere alle unità di rete.

In questa circostanza è bene verificare se l'abilitazione del protocollo Samba v1 può risolvere l'inconveniente.

Aprire il Pannello di controllo e quindi Programmi\Programmi e funzionalità.

Cliccare quindi su "Attivazione o disattivazione delle funzionalità di Windows" e controllare che "Il supporto per condivisione file SMB 1.0/CIFS" sia abilitato"

In alternativa o in aggiunta si può anche tentare di abilitare l'impostazione NetBIOS su TCP/IP.
Aprire quindi le proprietà TCP/IPc4 della della scheda di rete,
andare sulle Proprietà Avanzate e verificare nel tab WINS che NetBIOS su TCP/IP sia abilitata

 

Microsoft Word: simbolo di formattazione "quadrato"

Vi è mai successo di voler rimuovere in un documento Word interruzioni di pagina tra paragrafi?

Tali interruzioni sono contrassegnate da un simbolo "quadrato" nascosto.

Per rimuovere tali interruzioni è necessario cliccare sul menù Home e quindi sul gruppo "paragrafo" e quindi togliere il check alla voce "Anteponi interruzione"

Formattare tabelle in Excel: la riga di intestazione

È possibile creare e formattare una tabella per raggruppare e analizzare visivamente i dati.

  1. Inserire una tabella nel foglio di calcolo. 
  2. Selezionare una cella all'interno dei dati.
  3. Selezionare Home > Formatta come tabella. In alternativa premete Ctrl + t
  4. Scegliere uno stile per la tabella.
  5. Nella finestra di dialogo Formatta come tabella impostare l'intervallo di celle.
  6. Indicare se la tabella contiene intestazioni.
  7. Scegliere OK.

Per visualizzare o nascondere la riga di intestazione

  1. Fare clic in una cella qualsiasi dell’intestazione
  2. Passare a Progettazione sulla barra multifunzione.
  3. Nel gruppo Opzioni stile tabella selezionare la casella di controllo Riga di intestazione per visualizzare o nascondere le intestazioni di tabella.

Se si rinominano le righe di intestazione e quindi si disattiva la riga di intestazione, i valori originali inseriti verranno mantenuti se si riattiva la riga di intestazione.

Copiare tutti i file contenuti in una cartella in ogni cartella di un determinato direttorio

A titolo di esempio si vogliano copiare in ogni cartella di "C:\public\ " tutti i file della cartella "D:\112".

Il comando Windows è il seguente:

for /D %a in ("C:\public\*.*") do xcopy /y /d D:\112\*.* "%a\"

dove

for /D esegue il comando "xcopy /y /d ..." per ogni cartelle in "C:\public\",

%a è un parametro (in un batch utilizzare la sintassi %%a) che per ogni iterazione assume il valore del percorso completo di ogni cartella in "C:\public\ "

Pertanto il ciclo for /D esegue il comando
xcopy /y /d D:\112\*.* "%a\"
per ogni cartella presente in "C:\public\"
ovvero copia tutti i file della cartella 112 nella cartella %a che per ogni iterazione è il percorso di ogni cartella presente in C:\public\

Importare una tabella di Ms Access in SQL SERVER

Tasto dx sul database -> Attività -> Import dati


Cliccare su "Avanti" e quindi selezionare dalla casella a discesa Origine dati la voce Microsoft Access (Microsoft Access Database Engine).


Cliccare sul tasto "Sfoglia..." e scegliere il database Access da cui importare la tabella.
Se il database è protetto da Nome utente e Password inserire i dati nelle caselle di testo predisposte. Cliccare quindi su Avanti>
Nella finestra successiva selezionare la voce "Microsoft OLE DB Provider for SQL Server" nella casella a discesa Destinazione ed inserire se necessario il Nome utente e la Password per utilizzare l'autenticazione di SQL Server. Cliccare su Avanti > e quindi ancora su Avanti >


Nella finestra successiva selezionare le tabelle di Access da copiare e la corrispondenza con le tabelle di Sql Server.


L'utilità di default crea una nuova tabella con lo stesso nome della tabella copiata. Se necessario modificare il mapping tra le tabelle, ovvero la corrispondenza tra le colonne.
Finalizzare il processo.